Faccio mia la raccomandazione di Metilparaben: è importante che chi condivide su Internet le proprie opinioni, comunichi la propria anche sulla delibera di AGCOM che entrerà in vigore il 6 luglio 2011.

Se capisco bene: una autorità di garanzia si attribuisce il compito di giudicare con meccanismi propri e autonomi sulla situazione dei diritti intellettuali di qualsiasi contenuto pubblicato su Internet – su segnalazione di chi dichiarasse di detenere quei diritti e che la pubblicazione li viola.
Ammettiamo che questa autorità sia benevola e ben intenzionata – plausibilissimo.
Ammettiamo pure che questo compito faccia parte del suo mandato e sia compatibile con l’impianto costituzionale e legislativo – che invece immagino assegni questo compito al potere giudiziario.
Che processi, organizzazione e strutture avrebbe comunque questa autorità per offrire a chi richiede interventi di censura, e a chi li subisce, un trattamento adeguato? Che principi userebbe per valutare le richieste?

Agorà Digitale raccoglie qui i link ai diversi contributi, e propone altre azioni utili, comprese le due petizioni di sitononraggiungibile e altri e di Avaaz.

In attesa che qualcuno mi spieghi dove sbaglio, questa autorità si sta preparando a bloccare le mie comunicazioni che chiunque dichiarasse lesive dei suoi diritti di proprietà intellettuale. E le tue.

Advertisements